Nevada: per ora solo Poker online!

Nevada: per ora solo Poker online!

SHARE

nevada-poker-bill-share-liquidity-smallCome ben saprete è il Nevada lo Stato in cui sorge la grandiosa Las Vegas, capitale mondiale dell’azzardo. Ed è stato proprio il Nevada a dotarsi, per primo tra tutti gli Stati americani, di una legge che disciplinasse il gioco d’azzardo, dal poker ai casinò. Tuttavia, questo Stato continua a ribadire che, almeno per il momento, tutti gli sforzi e tutte le risorse saranno concentrate solo e soltanto sul poker online.

 

Burnett, direttamente dal Gaming Control Board del Nevada, ribadisce l’idea – traspirata direttamente dal testo di legge che disciplina l’azzardo – di concentrare le forze e l’analisi su un unico prodotto tra i numerosi offerti dal mercato dell’azzardo. Il poker online – spiega Burnett – è al centro di una valutazione che si pone come obiettivo quello di valutare e spingere il prodotto nel neonato mercato. Il lancio è stato infatti solo 6 mesi fa.

Ma come mai proprio la patria del gioco si lancia su una sola frontiera? A prima vista può certo sembrare strano, ma ad un livello di analisi un pochino più profondo questa tattica assume subito un significato ben preciso: l’obiettivo è infatti quello di rispettare il business delle tante sale da gioco, le uniche a ottenere la licenza necessaria e di conseguenza anche le uniche ad essere tutelate dalle possibili deviazioni di raccolta di gioco.
La scorsa settimana, tra l’altro, si è tenuta una riunione della Commissione di gioco nel Nevada. A riprova di quanto detto sopra, la relazione mostra come l’argomento casinò online non sia stato citato nemmeno una volta. Insomma: sembra che il Nevada voglia prendersi il suo tempo per testare i risultati di questo primo tuffo nel gambling, per poi valutare, a suo tempo, se fare ulteriori passi ed allargare la sua offerta di gioco. I prossimi obiettivi dell’occhio di bue, ore, sono il Delaware e il New Jersey: il primo ha spalancato le porte al gioco il 31 ottobre, il secondo lo farà il 26 novembre. è ancora viva la prospettiva interstatale?