L’Italia dei Valori si esprime sul poker online: decisamente meglio il silenzio.

L’Italia dei Valori si esprime sul poker online: decisamente meglio il silenzio.

SHARE

poker-cash-onlineNegli ultimi tempi sembra che la politica si sia accorta dell’esistenza del poker online. Il punto è che, spinta forse dall’allarmismo mediatico, quella della nostra classe dirigente non è una presa di posizione, ma un correre all’impazzata in preda al panico. E allora, tra un delirio e un attacco d’ansia, non c’è nessuno che si renda conto che il poker online esiste da tempo e che ciò di cui c’è bisogno non è una legge abolizionista e proibizionista, ma una sana regolamentazione che consenta di giocare in sicurezza.

Insomma, per il momento siamo ancora molto lontani da ciò che potremmo definire una classe politica illuminata a riguardo. Ma vediamo alcuni commenti interventi in proposito.

Dopo le dichiarazioni di Bonanni, arriva anche la risposta secca del segretario nazionale dell’Italia dei Valori, Ignazio Messina. Se la proposta di Bonanni era quella di alzare le tasse sul poker telematico, Messina propone proprio di eliminare il problema alla radice. Si elimini quindi la figura dello “Stato biscazziere” e si estirpi il problema fino in fondo, salvando tante famiglie disperate da questo scempio chiamato gioco d’azzardo. Detto con parole sue: “Prendiamo atto con soddisfazione che anche il segretario della Cisl si è accorto che in Italia esiste il problema del gioco d’azzardo. Vogliamo ricordare a Raffaele Bonanni che noi dell’Italia dei Valori stiamo raccogliendo in tutta Italia le firme per una proposta di legge di iniziativa popolare che ha l’obiettivo di abolire il gioco d’azzardo”.

Insomma forse era meglio se l’Italia dei valori, così come anche il resto della classe politica italiana, rimaneva nel suo torpore  ancora un po’. Niente di fatto, se non l’aggravamento di stupidi allarmismi e una serie di opinioni che ancora sono molto lontane dalla concretezza del mondo reale.

Caro signor Messina, quello che sta proponendo è un ritorno alle room dot com, senza alcun rientro per l’erario? Forse sarebbe stato meglio se avesse prestato un pochino di attenzione quando i parlamentari dibattevano per legalizzare il gioco e sottrarlo all’illegalità.