Italia: non proprio l’ultima in tutto.

Italia: non proprio l’ultima in tutto.

SHARE

Sebbene siano ormai poche le cose di cui i cittadini italiani possono andar fieri, la nostra penisola ò davvero sfoggiare questo vanto: sulla superficie nazionale ci sono ben 400 operatori di gioco autorizzati dai Monopoli di Stato (AAMS), e il mercato italiano è in assoluto il più redditizio al mondo tra quelli regolamentati. Per rendere meglio l’idea, basti pensare al fatto che l’Italia rappresenta, da sola, circa un quarto del totale, con una raccolta, nello scorso 2012, di oltre 15 miliardi di euro.

Negli ultimi mesi, gli introiti derivano per lo più dai casinò online, più precisamente dalle slot machines, novità questa della fine dello scorso anno. L’enorme varietà e la avvincente semplicità di gioco sembrano essersi rivelate la ricetta vincente per il successo del gioco traino del settore azzardo online. Un settore che aveva davvero bisogno di una spinta e di una propulsione nuova, vitale. Un discorso a parte meritano anche le scommesse sportive, tendenza degli ultimi tempi, che nel 2012 hanno raccolto, in tutto il mondo, più di 43 miliardi. Si tratta davvero di una cifra spaventosa, pur tenendo conto dell’estensione del territorio calcolato. Qui vince, in assoluto, il mercato europeo – con 17,8 miliardi di euro , immediatamente seguito da quello Asiatico, con uno scarto davvero minimo. La nazione che si aggiudica il primato di mercato è invece in Giappone, con 10 miliardi di euro; a seguire Gran Bretagna (4,5) e poi Italia (4).